Progetti

Stereotip* – idee creative per il superamento degli stereotipi di genere

Cosa sono gli stereotipi di genere? Come affrontare questa tematica nel lavoro creativo? Cosa può fare l’artista per sensibilizzare sull’argomento?

Il progetto Con Zerocalcare e Rita Petruccioli parte da una masterclass avvenuta a Febbraio durante la quale hanno mostrato come affrontano la questione nel loro lavoro. Il progetto terminerà con la realizzazione di una pubblicazione destinata agli studenti delle scuole superiori della Regione Toscana.

Gli allievi del terzo anno di Fumetto e di Illustrazione si sono messi subito all’opera per produrre le tavole che verranno poi revisionate e scelte per essere inserite nel volume.

In aula con Gud si fanno liste di situazioni interessanti per costruire la sceneggiatura. La classe si confronta, approfondisce, riflette. Ognuno porta esperienze di vita vissuta. Le matite iniziano a raccontare.

L’idea è quella di offrire ai ragazzi che leggeranno questi racconti uno spazio di riflessione all’interno del quale immedesimarsi, scoprire realtà diverse dalla propria, immaginare oltre i confini netti e decisi che comporta il ragionamento stereotipato.

Nascono le prime storyboard. Si fanno cancellature e aggiustamenti. Le storie prendono forma.

Lezione di Illustrazione. Il loro contributo all’interno del libretto sul tema degli stereotipi di genere prevede un lavoro sui protagonisti forse più importanti della storia della città e d’Italia, i Medici.

Personaggi di potere, dediti all’arte e alla cultura, nell’immaginario collettivo figure iconiche di grandezza e potenza. Ma siamo sicuri che fossero solo questo? Cosa si cela oltre lo stereotipo? Far conoscere il loro lato umano è la scommessa su cui stanno lavorando i ragazzi con curiosità ed entusiasmo.

Giulia De Razza

Author Giulia De Razza

Sono zen ma ballo il rock. Shiatsuka di professione, ricercatrice di cosebelle per passione. Mi incuriosisce tutto ciò che mi circonda che sia un luogo o un odore. Bionda dentro e fuori e bla bla bla.

More posts by Giulia De Razza

Leave a Reply